Dal PD alla Lega, il partito trasversale del populismo anti-austerity

Oggi Il Sole 24 ore ha sintetizzato così i programmi delle principali forze politiche italiane in vista del voto per le prossime elezioni europee: “Lega, M5S, Pd e Fi: divisi in Italia, uniti in Europa contro l’austerità”

Malgrado gli scontri apparenti, dalla Lega al PD l’accusa nei confronti dell’Europa è quella di non avere favorito e di avere al contrario rallentato l’uscita dalla crisi economica, impedendo la “nazionalizzazione” delle politiche di bilancio e l’adozione di misure finanziarie (e monetarie) espansive.

Nella sostanza – questa è la diagnosi – l’Europa ha deteriorato il proprio potenziale economico perché l’Ue non ha consentito ai Paesi membri, a partire da quelli più in difficoltà, come l’Italia, di finanziare in deficit politiche in grado di agire sia sul lato dell’offerta che della domanda e di accrescere tanto la produzione, quanto i consumi. Ancora una volta di confonde la malattia con la cura.

Insomma, l’Europa è stata “cattiva” per non avere consentito all’Italia di proseguire su di una strada, che tra la metà degli anni 70 e l’inizio degli anni ’90 ha scavato sotto i piedi degli italiani del futuro la voragine del debito pubblico, che malgrado gli sforzi non si riesce né a colmare, né a ridurre e di cui le misure di disciplina finanziaria sono una conseguenza.

Finché non si contrasterà il mainstream populista e ci si continuerà a inchinare al falso storico dell’Italia impoverita dall’austerità, non ci sarà da stupirsi che in Italia continuino a vincere a mani basse i populisti.

Condividi