Kurz e Orban, gli “amici” di Salvini sono più rigoristi di Juncker e Moscovici

Di Maio e Salvini hanno mostrato sprezzanti i muscoli con questa Commissione europea, in un raggelante isolamento, sostenendo che tra sei mesi Juncker e Moscovici saranno spazzati via dal vento sovranista. Non sarà così, ma quello che abbiamo visto in questi ultimi giorni è che sui conti la linea di Kurz ed Orban, per citare i campioni di Di Maio e Salvini, sarebbe ancor più rigorista proprio perchè nazionalista e quindi ostile a qualsiasi elemento di solidarietà e comprensione delle difficolta di altri paesi.
Meglio cambiare la manovra, accettando i consigli arrivati da tutte le parti ben prima che da Bruxelles, oggi che un dialogo sui conti è possibile ed evitare di farlo l’anno prossimo, perché sarà molto peggio.

Benedetto Della Vedova

Condividi